tiSEGNALIAMO

Federcoopesca. Nuova Circolare ministeriale sulla indennità giornaliera destinata ai pescatori.

Federcoopesca. Nuova Circolare ministeriale sulla indennità giornaliera destinata ai pescatori.
La Circolare n° 1/2018 contiene chiarimenti circa il riconoscimento di una indennità giornaliera onnicomprensiva per i marittimi per la sospensione dal lavoro derivante da misure di arresto temporaneo delle attività di pesca.

Categorie: Ti Segnaliamo

Tags:

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali - informa in una nota Federcoopesca Sicilia - ha emanato, lo scorso 19 gennaio, una Circolare (la n° 1/2018) contenete chiarimenti circa il riconoscimento di una indennità giornaliera onnicomprensiva per i marittimi per la sospensione dal lavoro derivante da misure di arresto temporaneo obbligatorio.

La Legge 27 Dicembre 2017 n° 205 (pubblicata sulla G.U. n° 302 del 29/12/2018) ha previsto (all’art. 1, comma 121) un ulteriore ammortizzatore per il settore della pesca.

Tale intervento, finanziato con 11 milioni di euro annui, riconosce una indennità giornaliera di 30 euro anche ai soci lavoratori delle cooperative della piccola pesca, in presenza di arresto temporaneo obbligatorio.

La medesima Legge ha previsto (all’art.1, comma 135) un intervento (finanziato con cinque milioni di euro annui) consistente in una indennità giornaliera di  30 euro, fino ad un massimo di 40 giorni, destinata ai dipendenti delle imprese di pesca, ivi compresi i soci lavoratori delle cooperative della piccola pesca, anche in presenza di arresto temporaneo non obbligatorio.

“Benché nel modulo di richiesta sia specificata la possibilità di accesso all'indennità limitatamente alle sole imbarcazioni che effettuano l’arresto temporaneo obbligatorio previsto dall'art. 2 del D.M. 16769 del 26 Luglio 2017 - spiega Nino Accetta, presidente di Federcoopesca Sicilia - le imbarcazioni e le imprese che non pratichino tale attività di pesca devono comunque utilizzare il medesimo modulo specificando la tipologia di fermo pesca effettuato corredato dal visto dell’Autorità Marittima. Non si parla quindi - come del resto si evince dalla lettura della Circolare - soltanto di pesca a strascico”.

Tag:

Il tuo nome
Il tuo indirizzo e-mail
Oggetto
Inserisci il tuo messaggio ...
x